Disfunzione erettile dopo la chirurgia

Dopo Lintervento Chirurgico

Malgrado il fatto che le malattie degli organi pelvici causano spesso la disfunzione erettile, gli interventi chirurgici per il loro trattamento sono in grado di causare problemi di erezione.

L’elenco degli interventi chirurgici in grado di causare la Disfunzione Erettile comprende:

  • Prostatectomia radicale
  • Radioterapia interna (brachiterapia)
  • Criochirurgia.

Per lo più, la Disfunzione Erettile si sviluppa come conseguenza della prostatectomia radicale. Rispetto a prostatectomia, brachiterapia e criochirurgia si tratta di una procedura meno invasiva, per cui provoca più raramente la Disfunzione Erettile e altri tipi di effetti collaterali sessuali.

Le ricerche dimostrano che a causa della prostatectomia radicale possono venire danneggiati i fasci neuro-vascolari attorno alla prostata. Nei casi in cui i processi tumorali si sviluppino attorno alla prostata, i chirurghi dovranno rimuovere una parte dei nervi che regolano la funzione erettile.

Le massime probabilità di mantenere una normale erezione a seguito di un intervento chirurgico le hanno i pazienti che prima dell’operazione non avevano avvertito problemi legati all’erezione.

Se a seguito di un intervento chirurgico un uomo ha perso la capacità di condurre una normale vita sessuale, per ripristinare la funzione sessuale possono essergli prescritti:

1. Farmaci.
2. Protesi peniena.

Anche la cistectomia radicale (asportazione della vescica) e la resezione del retto sono in grado di portare alla disfunzione erettile. Interventi chirurgici di questo tipo possono compromettere l’integrità dei vasi sanguigni nella zona pelvica e danneggiare i nervi che controllano l’erezione.

L’esecuzione della tecnica nerve sparing di cistectomia radicale o di protesi peniena consentirà di mantenere l’erezione agli uomini sessualmente attivi.

Al fine di ridurre al minimo la probabilità che a seguito di un intervento chirurgico si sviluppi la disfunzione erettile, il paziente dovrà:

  • Condurre un sano stile di vita.
  • Astenersi dall’abuso di alcol.
  • Astenersi dall’assunzione di psicostimolanti.
  • Consultarsi periodicamente con il medico curante.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami